Notizie

« Indietro

COMUNICATO STAMPA - NUOVA TOPONOMASTICA, PRECISAZIONI DELL’AMMINISTRAZIONE COMUNALE

Com.stampa n. 05.2015                                                    Mola di Bari (BA), 09/02/2015

 

 

 

NUOVA TOPONOMASTICA, PRECISAZIONI DELL'AMMINISTRAZIONE COMUNALE

 

In riferimento alla missiva indirizzata al Sindaco ed al Sig. Prefetto di Bari e diffusa dal Consigliere Comunale Stefano Gaudiuso in merito alla nuova toponomastica, l'Amministrazione Comunale desidera precisare quanto segue.

Con deliberazione di Giunta Comunale n. 67 del 29/03/2011 la Giunta Comunale ha inteso nominare, per la prima volta, apposito gruppo di lavoro, con funzioni consultive, composto da esperti di storia, cultura e tradizioni locali e molesi, stabilendo, altresì, alcuni criteri informatori, per un valido e qualificato contributo alla definizione della nuova denominazione toponomastica cittadina.

Tale provvedimento è scaturito dalla necessità di attribuire una nuova denominazione toponomastica e corrispondente nuova numerazione civica alle aree di circolazione attualmente sprovviste o in corso di realizzazione, come nel caso del PIRP Cerulli, anche alla luce delle novità normative in materia.

La commissione di esperti era composta da studiosi di storia locale e precisamente: Mario Ventura, Michele Calabrese, Giovanni Miccolis, Vitantonio Mangiarano, Salvatore Consiglio e Giuseppe Berlingerio; alcuni di essi, non hanno partecipato, in tutto o in parte ai lavori, per ragioni di salute.

I componenti della Commissione, coadiuvati dai dipendenti comunali geom. Vitantonio Campanile, anch'egli studioso di storia locale, e dal Capo Settore Affari Generali – Dott Filippo Lorusso, hanno svolto con la solita dedizione l'incarico affidatogli, senza percepire alcuna indennità ed hanno consegnato la relazione già nel novembre del 2011.

Con Deliberazioni di Giunta Comunale n.117 del 9/9/2014 e n. 173 del 23/12/2014 la Giunta Comunale ha approvato la "Nuova toponomastica di alcune aree di circolazione" a Mola di Bari, condividendo in toto il lavoro svolto dalla commissione.

Il competente Settore Affari Generali ha provveduto agli ulteriori adempimenti, trasmettendo al Prefetto formale richiesta di intitolazione delle nuove aree di circolazione. Con riferimento alla deliberazione n. 117/2014, il Prefetto ha rilasciato l'autorizzazione di propria competenza in data 11/11/2014; a giorni dovrebbe pervenire anche l'ulteriore autorizzazione con riferimento alla deliberazione n. 173/2014.

La correttezza e regolarità del procedimento amministrativo da parte dell'Ente è confermata anche dalle ulteriori novità legislative succedutesi in questi ultimi anni.

L'Istituto Nazionale di Statistica ISTAT, ha infatti emanato la Circolare n 912/2014/P del 15 gennaio 2014 denominata "Istruzioni per l'ordinamento ecografico di onomastica stradale e numerazione civica" al fine di avviare la costituzione dell'Archivio nazionale numeri civici delle strade urbane (ANNCSU) istituito dall'art. 3 legge 18/10/2012 n° 179 con l'obiettivo di costituire un registro toponomastico di riferimento per tutti gli enti della Pubblica Amministrazione e costituire la fonte primaria per la validazione degli indirizzi dell'istituendo archivio dell'Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente (ANPR), di cui all'art. 2 del decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito con modificazioni dalla legge 17 dicembre 2012, n. 221.

La Circolare aveva altresì l'obiettivo di facilitare l'attività di soggetti quali ad esempio l'Agenzia delle Entrate - Direzione del territorio, che collabora all'iniziativa, coadiuvando operativamente i Comuni, coordinandone l'attività ed effettuando la lavorazione delle informazioni nell'ambiente appositamente predisposto sul Portale SISTER, anche al fine di migliorare la qualità dei dati toponomastici della banca dati catastale.

Tutto ciò premesso è opportuno chiarire che, diversamente da quanto affermato nella nota del Consigliere Gaudiuso:

1) La Deliberazione di Giunta Comunale n. 117 del 9/9/2014 riguardava solo 8 strade e non quelle citate dal Consigliere Gaudiuso nella sua missiva "pubblica" che erano, al contrario, inserite nella Deliberazione di G.C. n. 173 del 23/12/2014.

2) Non si ravvisa alcuna "ingiustificata urgenza" da parte dell'Amministrazione Comunale essendo tale procedimento attivato sin dal 2011 e riguardante strade, o già realizzate (e sprovviste di intitolazione) o in corso di realizzazione, anche alla luce delle novità normative sopra richiamate. Semmai ravvisiamo un "particolare" tempismo del consigliere Gaudiuso che muove rilievi ad una delibera dello scorso settembre solo a distanza di cinque mesi dalla sua approvazione.

3) Con particolare riferimento all'intitolazione di una strada a Mons. Francesco Bitetto rimaniamo sconcertati da quanto dichiarato dal Consigliere Gaudiuso. Le Sue affermazioni mirano solo a gettare discredito alla memoria di un personaggio passato alla storia del nostro paese e sono esclusivamente supportate da dicerie che non trovano alcuna conferma nei fatti. Riteniamo che nessuno possa permettersi, a distanza di anni, di giudicare la moralità o la rettitudine di una persona in base al pettegolezzo.  

Sull'intitolazione di una strada a Don Bruno Aloia, ricordiamo che la legge n. 1188/1927 prevede l'intitolazione di nuove strade e piazze pubbliche, la variazione del nome di quelle già esistenti, nonché l'approvazione di targhe e monumenti commemorativi a persone decedute da oltre dieci anni permettendo alcune deroghe solo nei casi tassativamente previsti: "le disposizioni OMISSIS…. non si applicano a caduti di guerra o per la causa nazionale. È inoltre in facoltà del Ministero per l'Interno di consentire la deroga alle suindicate disposizioni in casi eccezionali, quando si tratti di persone destinatarie di benemerenze della nazione".

4) Nessuno dei personaggi a cui è stata intitolata una strada sono stati compromessi con il fascismo né tantomeno riteniamo che l'aver vissuto in un periodo storico particolare possa rappresentare un motivo di discredito per coloro i quali, così come afferma lo stesso Gaudiuso, "hanno assolto il loro compito con onestà".

5) Il non aver intitolato, con questo provvedimento, strade ad altri personaggi di rilievo della nostra storia locale non significa che ciò non possa avvenire in futuro.

6) Per ultimo ci preme sottolineare che la competenza in materia di toponomastica è affidata, dalla legge, alla Giunta Comunale. Ciò nonostante, differentemente rispetto a quanto accaduto anche nel recente passato, questa Amministrazione Comunale ha ritenuto più giusto affidare tale compito ad una commissione terza ed indipendente.

Per i motivi sopra esposti riteniamo dover confermare sia nella forma che nella sostanza la Deliberazione di Giunta Comunale n.117 del 9/9/2014, che la successiva Deliberazione G.C. n. 173 del 23/12/2014.

 

Ufficio di Segreteria del Sindaco


NEWS

Comunicato stampa - Servizio di Taxi Sociale

SETTORE URBANISTICA, ASSETTO DEL TERRITORIO, E.R.P. ED ESPROPRI - AVVISO

AVVISO PUBBLICO - AUTORITA' IDRICA PUGLIESE

MICROCREDITO E AUTOIMPIEGO

Installati contenitori per la raccolta dell’olio vegetale esausto

Risultati 1 - 5 su 13.
Articoli per pagina 5
di 3

Apri il documento riguardante la PEC - Posta Elettronica Certificata

Ufficio relazioni con il pubblico

Gare e Appalti

Apri la pagina dei Servizi Demografici del Comune di Mola di Bari

 

 

 

 

Urban2Mola

Servizio Civile Nazionale

Elenco siti tematici